Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza utente. Acconsenti ai nostri cookie.

cuccioli springer

cuccioli springer

cuccioloni springer

cuccioloni springer

pronta caccia springer

pronta caccia springer

i nostri campioni springer

campioni springer

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 48
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 46
pianigiani

pianigiani (13)

Giovedì, 31 Marzo 2016 08:18

1° PREMIO TROFEO ANNUALE ALLEVAMENTO!!!

Written by

Questa mattina a darci il buon giorno e' arrivata LA lettera dell'Enci che ci rende orgogliosi di annunciare che anche nel 2015 abbiamo vinto il Trofeo Annuale Allevamento per le razze "cani da ferma britannici"!!!!
Il nostro impegno e la nostra dedizione ancora una volta sono stati ripagati!!
Ringrazio tutto il mio Staff e la mia famiglia che mi hanno aiutato a rendere questo possibile!

Domenica, 23 Marzo 2014 00:00

la razza dei springer spaniel

Written by

Lo Springer Spaniel Inglese è una razza canina di antica origine inglese. È un cane da cerca e da riporto, molto abile anche nell'acqua. Il nome "springer" deriva dall' inglese "spring", che significa molla, ed è stato adottato in virtù della prerogativa del suo lavoro, che è quello di far "saltare" la selvaggina (forzarla a palesarsi, e senza fermarla). Tutti gli Spaniel, sotto questo aspetto, sono "springer", ma questa definizione venne usata per definire il ceppo che è il capostipite di questa famiglia.

La storia moderna dello Springer può esser tracciata fino al 1812, anno di nascita e registrazione di Mop I, presso la famiglia nobile dei Boughey, Aqualate, Shropshire. Ufficializzata solo nel relativamente recente 1902 dal Kennel Club Inglese, con il nome di English Springers other than Clumber, Sussex and Field.

L'aspetto generale è quello di un cane compatto, forte ed armonico. Tra gli spaniel di terra è quello con la maggiore altezza sulle gambe, e si attesta attorno ai 51 cm di altezza ed oltre i 20 kg di peso. È un cane molto attivo, pertanto l'espressione è vivace ed attenta, al contempo mai priva di quella dolcezza che testimonia il suo grande equilibrio: lo si può ammirare col corpo vibrante e fremente mentre segue con avidità la selvaggina, o tranquillo e mai invadente nel salotto di casa.

La testa presenta un cranio abbastanza largo, leggermente arrotondato, che si allarga verso la parte anteriore del muso, formando un sopracciglio o uno stop, divisi da una scanalatura tra gli occhi. Questi hanno un'espressione dolce; sono a mandorla di colore nocciola scuro. Le orecchie sono pendenti, inserite all'altezza della linea dell'occhio, e piuttosto attaccate al cranio.

La muscolatura è ben sviluppata e tonica, tale da assicurare al cane forza, resistenza ed agilità. Gli arti sono forti, ben uniti e muscolosi. L'andatura è assolutamente peculiare di questa razza. Le zampe anteriori scivolano in modo rettilineo dalla spalla, i piedi sono proiettati in avanti in modo del tutto naturale. I garretti spingono bene sotto il corpo, seguendo la linea delle zampe anteriori. Al passo molti springer ambiano: il che non è difetto, ma tipico della razza. Durante il movimento la coda con scodinzolio vivace è portata bassa e mai sopra la linea della schiena.

Il loro manto può essere di tutti i colori previsti per gli spaniel, ma non unicolore. Sono preferiti il bianco e marrone (fegato) oppure il bianco e nero, o questi con le focature. Il pelo è liscio od ondulato, con graziose frange ad orecchie ed arti, molto folto e quindi parzialmente idrorepellente, comunque idoneo per proteggere dalla vegetazione, dalle intemperie e dal freddo (temendo però il caldo).

Sotto questa dizione, e quindi dotati del pedigree di questa razza, è registrata tutta quella variegata schiatta degli ufficiosamente cosiddetti "field-bred ESS" (da noi conosciuti quali "springer da lavoro"): soggetti e/o linee di sangue esclusivamente selezionate in base alle loro qualità operative, ma il cui disomogeneo aspetto morfologico poco o punto si adatta allo standard di questa stessa razza. In generale si tratta di soggetti più piccoli, più lunghi, con poco pelo, con orecchie più corte ed attaccate alte, musi più appuntiti, dall'espressione poco dolce, ma di maggior vivacità (e selezionati in particolare per ben figurare sulle gare, grazie alla loro azione ed andatura spettacolari).

Esiste infine una tipologia statunitense "da show", di taglia leggermente più ridotta, orecchie più lunghe ed attaccate più in basso, compatta nel tronco e dal mantello "sellato", con ben maggior profusione di frange, linea dorsale rampante, posteriore fuori di sé e spalla più dritta, la quale ha uno standard proprio riconosciuto dall'AKC ma, al pari della precedente, non ufficialmente riconosciuta dall'FCI, per la quale l'unico riferimento alla razza rimane appunto lo standard FCI nr. 125.

Conosciuto, come il "confratello" minore Cocker spaniel, per la sua buona disposizione, ha un carattere molto allegro, e fraternizza facilmente con gli estranei. Sua prerogativa è quella di non conoscere la mordacità. Ha una buona predisposizione ad essere addestrato.

Martedì, 18 Febbraio 2014 14:03

la razza degli epagneul breton

Written by

L'Epagneul Breton è una razza di cani di origine francese, riconosciuta dalla FCI (Standard N. 95, Gruppo 7, Sezione 1).

Nel 1387 il conte Gastone Phoebus, nel suo famoso "Livre de la chasse", ritiene questo cane originario della Spagna, da cui il nome "Epagneul", che poi in Inghilterra si è trasformato in "Spaniel".

La sua prima apparizione ad una mostra canina avvenne però nel 1892 e verso gli anni trenta comincia ad avere grande successo in tutti i paesi.

Mentre generalmente i cani da ferma inglesi, i Pointer e i Setter, vengono utilizzati per far alzare la selvaggina e i Retriever e gli Spaniel la localizzano e la riportano, l'Epagneul compie tutto da solo.

Anche se c'è chi ritiene che questo cane sia nato e si sia sviluppato in Francia e che il nome derivi dal verbo ESPANIRS, che in francese significa accucciarsi, e chi pensa che sia il risultato di incroci di Setter bianco arancio con altri cani francesi, verosimilmente il nome Epagneul denota una origine comune spagnola con gli Spaniel inglesi.

La testa arrotondata si assottiglia verso il naso che ha le narici molto ben sviluppate. Lo stop è ben evidente. Gli occhi, infossati, sono generalmente di color ambra scura. Le orecchie sono corte, arrotondate e ricoperte di pelo ondulato. La dentatura è a forbice, il tronco è corto e diritto, con il posteriore angolato. La coda spesso è amputata, e termina con un ciuffo di peli ondulati.

Il peso dei maschi corrisponde generalmente a 15 kg mentre il peso standard per le femmine equivale a 13 kg, l'altezza dei maschi è generalmente di 48-50 cm e per le femmine è di 47-49 cm. Il pelo è denso e leggermente ondulato, ma mai arricciato, e tende ad essere di maggior lunghezza sul posteriore. Il colore del manto è bianco e le macchie, abbastanza estese, possono variare dall'arancio intenso o rosso-bruno fino al nero, anche se in Francia si trovano esemplari con il manto blu-grigio a macchie marroni (Epagneul di Picardia) e l'Epagneul di Pont-Audemer.

L'Epagneul è un cane vivace e molto intelligente, con una grande capacità di adattamento, sensibile e riservato ma anche espansivo e facile da addestrare, docile ed obbediente, calmo ma anche giocoso sa essere inoltre paziente con i bambini ed affettuoso con i padroni.

Tende, se in famiglia viene adottato un altro animale, ad essere molto geloso e a manifestare questo suo sentimento con comportamenti scorretti o con aggressività palese verso il nuovo arrivato. Da ricordare la sua origine di eccezionale cane da caccia: quindi occorre percorrere con lui lunghe passeggiate. Indicato per famiglie con bimbi.

Martedì, 18 Febbraio 2014 13:57

la razza dei pointer

Written by

Il Pointer è una razza canina di origine britannica che prende il nome dalla sua capacità di puntare la preda (to point in lingua inglese).

Le origini della razza non sono chiare, visto che gli allevatori francesi, spagnoli ed italiani rivendicano l'apporto di sangue dei rispettivi bracchi nazionali nella selezione della razza, che comincia a raccogliere i primi successi venatori dopo il 1800.

Le origini di questa razza conservano, ancora oggi, una buona parte del loro mistero.

Secondo alcuni, per rintracciarne la provenienza si potrebbe risalire al «cane che caccia in pianura lontano dagli uomini» di cui fa menzione Arrien nel II secolo. Tuttavia, dopo essere stato probabilmente selezionato in Italia, Francia o Spagna, esso è stato considerato inglese al 100% ed è servito a migliorare la maggior parte dei suoi "cugini" d'oltremanica.

Riguardo alla collocazione precisa della prima selezione, cioè se la razza sia originariamente italiana, francese o iberica, le opinioni degli esperti sono ancora contrastanti. Come è naturale, alcuni specialisti italiani hanno fatto discendere una razza così stimata dal Bracco Italiano, mentre certi autori francesi hanno sostenuto che il Braque Français non sia estraneo al miglioramento del Pointer; ma i più numerosi sono i sostenitori di un'origine spagnola. Questi autori sostengono che il Bracco spagnolo sarebbe stato importato in Gran Bretagna tra il 1705 e il 1713 (data del trattato di Utrecht) da ufficiali e soldati inglesi reclutati al seguito del conte di Peterborough nella guerra di Successione spagnola, e che, a partire dal 1720, i cacciatori spagnoli si sarebbero impegnati nel miglioramento dei cani da ferma spagnoli.[senza fonte]

Tuttavia, anche considerando che la selezione durò più di un secolo, si resta sbigottiti davanti al risultato finale: una trasformazione radicale; il Periguero Spagnolo (o Perdiguero de Burgos) è infatti il più grande e pesante dei Bracchi continentali, con un corpo e una testa sviluppati, ricoperti da una pelle floscia, con un fiuto molto fino, ma assai lento e portato a lavorare nelle vicinanze del conduttore. L'abilità - se non addirittura la genialità - degli allevatori inglesi è fuori discussione; ciò nonostante resta curiosa la scelta di prendere il cane più bonaccione e di maggior peso per costruire un galoppatore di razza, pur incrociandolo sapientemente con Bloodhound, Foxhound, Levriero, e Bull Terrier o Bulldog. Rimane certo, in ogni caso, che il Pointer è stato chiamato per lungo tempo Old Spanish Pointer.

Il Pointer è un cane dal pelo raso, liscio, di vari colori: bianco, marrone, nero, arancio, fulvo, rosso. Adatto alla ricerca ed alla ferma della preda, rispetto ai primi soggetti, oggi i pointer (soprattutto per merito di alcuni allevatori ed addestratori inglesi) dimostrano anche buone capacità di riporto della selvaggina. Il Pointer necessita di gran movimento anche quando è a riposo dall'attività venatoria. Con il padrone e gli uomini è solitamente docile, affidabile e vivace.

È considerato uno dei cani più eleganti nella caccia, sia per la ferma, che per il galoppo a testa alta per scovare il selvatico anche in ambienti vasti, grazie al fiuto molto sviluppato. Viene, simpaticamente, definito da alcuni «Un naso con 4 gambe sotto...».

È un galoppatore impetuoso, velocissimo, allungato. Classico cane da starne, la sua passione venatoria non ha eguali.

Martedì, 18 Febbraio 2014 13:56

la razza dei setter

Written by

Il Setter è una razza canina; in particolare è un tipo di cane da caccia, usato sia da riporto che da punta per uccelli come quaglie, starne, beccaccini, beccacce, forcelli e fagiani. Un Setter effettua la ricerca della preda in maniera silenziosa e, una volta trovata, si ferma davanti ad essa puntandola, assumendo la caratteristica ferma. Non a caso, i Setter devono il loro nome proprio a questo comportamento, ossia fissare (in inglese to set) puntando con il muso la preda da cercare. La maggior parte dei Setter nascono con una predisposizione naturale per la caccia; gli addestratori interessati a questo genere di cani gli fanno sviluppare ulteriormente fin da cuccioli quest'istinto. Ottimi cani da caccia, ma non solo, ultimamente sono sempre più diffusi come cani da compagnia.
Cuccioli di setter

I progenitori dei moderni Setter nacquero probabilmente in Spagna nel XVI secolo come evoluzione degli Spaniel. Successivamente questi cani vennero esportati in Francia, ma soprattutto in Inghilterra, dove le razze si svilupparono fino ad arrivare alle varietà odierne di Setter.

I Setter hanno un pelo lungo e setoso e possiedono un carattere giocoso e socievole, sia verso gli uomini, sia verso i congeneri. Inoltre, consumano molta energia e richiedono esercizio per mantenerli attivi ed in forma.

La razza Setter comprende le seguenti varietà:

  • Setter Inglese
  • Setter Scozzese (o Setter Gordon)
  • Setter irlandese
Martedì, 18 Febbraio 2014 12:02

al lavoro anche nelle festività

Written by

Anche nelle festivita' natalizie, il team pianigiani's e' al lavoro... tutto questo duro sforzo è per far sì che il 2014 sia pieno di vittorie da dedicare ai nostri fans... stiamo preparando il terreno per coloro che in primavera vorranno acquistare cuccioli, cuccioloni e altro per le quaglie... e non solo ...

Martedì, 18 Febbraio 2014 00:00

disponibili figli di pianigiani's vash

Written by

Pianigiani's vash è diventato papà per accontentare le esigenze venatorie ...chiamate e prenotate oppure acquistate gia' altri cuccioli e cuccioloni disponibili in allevamento.

Martedì, 18 Febbraio 2014 00:00

svendita totale con prezzi fantastici

Written by

Causa ridimensionamento personale l'allevamento Pianigianis  vende a  prezzi fantastici cuccioloni e cani Pronti.Chi prima arriva avraì piu' scelta...

Martedì, 18 Febbraio 2014 00:00

disponibili splendidi cuccioli di springer

Written by

disponibili splendidi cuccioli di springer.....